Archivio

Archivio Dicembre 2011

Ed io vorrei correre nel vento…

7 Dicembre 2011 3 commenti

Nel momento in cui sono a peregrinare con gli occhi sulle immagini che mi passano via via mi accorgo delle pietre a contenere muri, a prati verdi di erbetta nuova, a tronchi scuri di cortecce in un ordine non usuale. Niente è in disordine.

Mi ritrovo a zonzo. Mi ritrovo forzatamente peregrina in queste terre umide e lavate da piogge, dai cieli quasi sempre grigi, dall’aria frizzante e fredda. Camminare ogni mattina sfidando le temperature è salutare più di un caldo abbraccio del pail, di ozio al tepore delle stanze. Si tratta di natura attraente, non sicuramente incontaminata e invece di svolgerla dall’alto del pullman che mi porta via vorrei toccare con le suole il terreno, il tappeto di foglie gialle mosse e portate in turbinio dal vento.

Vorrei avere capacità di sentire sul viso la pioggia e il vento, un abbigliamento diverso che rende liberi i movimenti e abbraccia il vento, correre nella natura maestosa e delavata su un poderoso quadrupede che sfida con la criniera i rami più bassi e ritrovarsi a sentire il profumo del vento nelle narici, il nitrito e lo sbruffo nelle orecchie e correre, correre liberata nel contatto vero con la natura.

Invece ci ostiniamo a vestirci per strade non polverose, dove la pioggia batte senza fermarsi,  ingrossa fiumi e devasta case.  Ci ostiniamo a correre nel vento dei nostri impegni quotidiani scanditi da pause di lavoro, cinguettii di corridoio e veleni di città.

Vorrei andare a cavallo e sfoderare l’ingenuità della vita vera e dura. Ma forse anche così perirei.

 

Categorie:musica Tag: